#3 – Cambio di rotta

Cambio di rotta: vado a nord. Io che sempre dal mare parto e al mare torno, eludo il richiamo della risacca questa volta. E correre veloce su binari sconosciuti, seguire un percorso diverso, oggi mi esalta. E’ un click positivo nell’afosa routine estiva identica a se stessa.
Mi appaiono le montagne come fosse la prima volta. Con lo stupore di chi ha bisogno di lasciarsi affascinare, assecondo il treno che scivola nelle valli, risucchiato tra le eterne gigantesse rocciose. Fuori dal finestrino si alternano sublimi visioni romantiche , tele di colore di verde dominanza cromatica e bagnate di luce.
Penso che le chiese dei piccoli paesi incastonate tra le pareti montane non smetteranno mai di emozionarmi. Non cercano di elevarsi più in alto di quanto non sia necessario: il loro compito è fornire una certezza, un punto di riferimento, ad andare verso il cielo ci pensa già la natura. Potente, maestosa, emozionante. Se Dio esistesse sarebbe una montagna. Adamo ed Eva se fossero davvero “fatti a immagine e somiglianza di Dio”, sarebbero colline.
Penso che è straordinario cambiare rotta: aiuta a fare il punto, a mettere a posto i pezzi, a non scappare. A voler tornare.

L.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...