Poi senza accorgersene

Poi senza accorgersene, sotto il sole che picchia,
finalmente l’acqua che disseta
e scioglie i grumi – le labbra umettate,
il sesso turgido, la mente rorida:
la terra inumidita.
Rapida illusione di fertilità: era uno sputo,
il tuo sputo subito calpestato. Non è più
nemmeno dolore, è solo desolazione –
quale un campo che prova a rinverdire e sempre
si secca, dove il sole non riscalda
né nutre, ma cuoce.
Guardami tu, che sai decifrarmi (se davvero lo sai):
arsa, mi vesto dei colori della terra,
mi vesto di argilla;
e se spingo l’indice dentro l’ombelico
scivolo al centro del vuoto.

L.

cof

Jenny Saville exhibition at Scottish Nation Gallery of Modern Art (Edinburgh), August 27th (2018)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...